glossario

Luminosità (Lux)

Esprime il rapporto fra il flusso luminoso incidente su una superficie e la superficie stessa e viene espressa in Lux = Lumen/m2. Il lux è una grandezza utile dal lato osservatore. La norma EN12464-1 riporta il valore di Lux da rispettare in funzione dei vari ambienti di lavoro, che possiamo suddividere in 3 fasce:

  1. poco illuminati (fino a 200 lux): solitamente zone di passaggio o dove la persona non sosta a lungo e non deve svolgere lavori particolari;
  2. mediamente illuminati (da 200 lux a 500 lux): zone, in cui si risiede anche per molte ore e vi si lavora seduti (ad es. ufficio);
  3. altamente illuminati (a partire da 750 lux): vi si svolgono lavori tecnici di precisione, quali officine meccaniche di precisione, sale operatorie e simili.

A titolo informativo, la massima luminosità generata dal Sole può superare il valore di 30000 lux, mentre la Luna genera circa 1 lux. La luce di una stella genera 0.00005 lux.

UGR

Acronimo delle parole inglesi “Unified Glaring Rate“, è il parametro per misurare l’abbagliamento molesto ambientale. Per il calcolo si tiene conto non solo della luminosità intrinseca delle lampade, ma anche della loro disposizione in ambiente, nonché delle caratteristiche dell’ambiente stesso. L’UGR è dunque una misurazione ambientale, non un valore fotometrico intrinseco della lampada. Ha senso, dire che una lampada generi tot lumen, ma non ha senso dire che una lampada abbia UGR<19. Tuttavia si tende ad esplicitare tale valore per alcuni dispositivi, che vengono montati in ambienti dalle caratteristiche note e ripetitive (uffici, scuole,ospedali). La UNI12464-1 definisce i valori massimi di UGR per i diversi ambienti lavorativi. Riassumiamo dicendo che:

  1. 30 è il limite di UGR oltre il quale l’abbagliamento diventa nocivo per l’occhio umano
  2. UGR nel range 19-25 è un abbagliamento tollerabile per ambienti di lavoro industriali (fatta eccezione per alcune zone che richiedono lavorazioni di precisione
  3. UGR<19 è un abbagliamento confortevole adatto a luoghi ove le persone risiedono per lunghe ore (uffici, scuole, ospedali, etc)
  4. UGR<16 è un abbagliamento minimo adatto a lavorazioni di precisione.

IRC (o CRI in inglese)

L’”Indice di Resa Cromatica ” è il parametro, con cui si misura la “naturalezza” dei colori degli oggetti illuminati da una determinata lampada.  Si tenga presente che il colore è la risultante delle onde elettromagnetiche riflesse dagli oggetti quando investiti da un fascio di luce avente una determinata composizione spettrale. In altre parole: il colore di un oggetto non è una misura oggettiva, ma sempre comparativa ed è necessario, pertanto, stabilire un campione di luce considerato ideale, cui far riferimento ed un criterio con cui fare la comparazione. La comunità scientifica ha ritenuto “ovvio” ritenere che una fonte luminosa da individuare come campione ideale di luce possa essere quella, il cui
spettro fotometrico percepito dai nostri occhi fosse il più possibile simile a quello del Sole. Scelto questo come criterio, la radiazione ideale di riferimento è stata definita come quella del corpo nero. Il “corpo nero” nella sua definizione fisica non esiste in natura ma i metalli ne approssimano molto bene le caratteristiche, il platino è solitamente il metallo nobile più utilizzato per le misurazioni di comparazione. L’ IRC definisce otto campioni di piastrine aventi colorazioni Rosso, Giallo, Giallo-verde, Verde, Verde-bluastro, Blu-violaceo, Violetto, Porpora rossastro. Per ogni campione misurato, si ottiene un valore percentuale compreso nel range 0%-100%, dove 100% indica riproduzione totalmente fedele.

La media degli otto valori misurati è l’IRC (o CRI). Proprio per come è definito, l’ IRC presenta notevoli limiti nello stabilire la bontà della qualità della luce di una lampada.

Temperatura di colore (K)

temperaturacaloreled

Si tenga presente che lo spettro generato da un corpo nero varia la sua distribuzione su l’ asse delle frequenze al variare della temperatura. Lo stesso accade alla luce del Sole durante l’arco della giornata. La distribuzione spettrale scende verso frequenze più basse man mano che la temperatura scende e viceversa. Quindi la temperatura di colore di una data radiazione luminosa è la temperatura che dovrebbe avere un corpo nero affinché la radiazione luminosa emessa da quest’ultimo appaia cromaticamente la più vicina possibile alla radiazione considerata. Si possono avere due lampade LED con colorazione esatta 2700 K eppur visibilmente diverse anche se il CRI è simile.

t.я.i. Consulenze Energetiche - Partita IVA 03670850548 - REA PG 305937