L’illuminazione è da sempre uno dei fattori fondamentali che aiutano la vendita al pubblico. Basandoti semplicemente sulle sensazioni personali che ognuno ha quando si entra in un negozio mal illuminato, sicuramente si capisce come l’illuminazione è una delle anime del commercio. Non a caso un supermercato o un centro commerciale è illuminato alla perfezione, al punto giusto, senza che niente risulti lasciato al caso. Illuminare bene un negozio è fondamentale, non solo per chi è già nel tuo negozio dove la luce risalterà i tuoi prodotti, ma una buona illuminazione è importante anche per chi passa davanti al tuo negozio.

In passato, l’illuminazione dei negozi era basata sull’esigenza di fornire un livello uniforme di illuminazione. Oggi, però, grazie anche alla tecnologia LED, si è sempre più consapevoli che, potendo disporre di un’illuminazione più bilanciata e adatta a ciascun tipo di attività, si può raggiungere un grandissimo miglioramento dell’efficienza.

La Normativa

L’illuminazione di un negozio è disciplinata dalla normativa europea EN 12464-1, dedicata appunto alla illuminazione riguardante i luoghi di accesso al pubblico. In questa norma vengono definiti diversi aspetti riguardanti l’illuminazione in negozio, come ad esempio la distribuzione delle luminanze, l’uniformità, la direzione della luce, il controllo della luce naturale, l’indice di resa cromaticail livello di luminosità delle luci dirette ed indirette.

Vantaggi

Le soluzioni a LED sono così flessibili che è possibile creare un infinito numero di effetti ed atmosfere (da quello teatrale e folgorante, a quello romantico e seducente). Grazie alla lunghissima durata e all’elevata efficienza, la riduzione dei costi energetici è veramente notevole. Alla luce di tutto ciò, si ricava che l’interruzione del servizio per il cliente viene praticamente eliminata. Per quanto riguarda il risparmio, la considerazione principale è che il rapporto lm/w delle lampade LED, anche noto come efficienza luminosa, è più che il doppio rispetto alle lampade fluorescenti tradizionali. Scegliere l’illuminazione LED per un negozio significa quindi risparmiare, senza nessun dubbio, i consumi energetici a parità di condizioni, in quanto le moderne lampade hanno un indice di assorbimento molto più basso rispetto ai modelli più obsoleti, e lo stesso si può dire per quanto riguarda la loro durata del ciclo di vita. I vantaggi legati alla scelta del LED per l’illuminazione dei negozi, dunque, sono soprattutto di natura economica, in quanto nel periodo del contatto con il pubblico, le luci accese sono da sempre elemento fondamentale per la cattura della clientela e la sua fidelizzazione.

Consigli Utili

Per assimilare questi consigli occorre sapere cosa sono e cosa significano certi “elementi” e certe “terminologie”:

  1. Cosa sono i corpi illuminanti: sono quegli apparecchi che ospitano le lampade, cioè la struttura dove va inserita la lampadina.
  2. Cosa sono i Lumen: non sono altro che l’unità di misura del flusso luminoso, o in parole ancora più povere i lumen sono la quantità di luce che una lampada emette; le lampade a LED hanno bisogno di meno energia (che si misura in watt) per emettere la stessa quantità di lumen di una normale lampada alogena o ad incandescenza.
  3. Cosa è il LUX: è il lumen che illumina un’area di un metro quadrato; esistono delle tabelle che indicano la quantità di LUX minima di cui ha bisogno e/o deve avere un negozio aperto al pubblico. Ad esempio la quantità minima di Lux necessari per illuminare un negozio al dettaglio è di almeno 300.
  4. Cosa è la resa cromatica: ogni fonte luminosa ha un indice di resa cromatica vale a dire che ogni lampada, a seconda delle sue caratteristiche, ha più o meno la facoltà di restituire i colori in maniera quasi perfetta.

Sul quarto punto vale la pena una riflessione; l’indice di resa cromatica ha un valore massimo di 100 e corrisponde al valore dell’indice cromatico che il sole restituisce (cioè i colori così come li vediamo sotto la luce del sole). Le lampade, costruite artificialmente non hanno lo stesso indice di resa del sole, per questo una luce bianchissima può trasformare il blu in violetto, distorcendo il vero colore del tuo prodotto. Quindi occorre prestare molta attenzione a questo fattore in base ai prodotti che si propongono nel negozio; spesso la scelta del cliente è subordinata alla sensazione che traspare dal colore del prodotto acquistabile.

COME ILLUMINARE L’INGRESSO DEL NEGOZIO?

L’ingresso del negozio, così come il suo esterno, sono il biglietto da visita che ognuno presenta a chi sta per entrare per eseguire degli acquisti. Avere una buona illuminazione a LED esterna e in entrata del negozio, dà al possibilità di:

  • far capire già da lontano che sei aperto (e questo è fondamentale per chi sta a ridosso di strade particolarmente frequentate); quindi niente dubbi della serie “Sembra chiuso, che faccio parcheggio la macchina e vado a guardare? Va beh ripasso un’altra volta”
  • far notare fra i tanti altri negozi che utilizzano i vecchi fari a ioduri metallici o peggio ancora quelli alogeni che sei attento alla tecnologia moderna (esistono oggi in commercio fari da 150 w a led (con tecnologia SMD, vale a dire non quelli di scarso valore) che addirittura arrivano a sviluppare 16000 Lumen cioè quello che sviluppavano i vecchi fari a ioduri metallici da 250 W o addirittura un faro alogeno da 750 W

COME ILLUMINARE GLI INTERNI DI UN NEGOZIO?

L’illuminazione interna di un negozio varia in base alla categoria merceologica di vendita; in base a cosa si vende è necessario variare il tipo di illuminazione non tanto in termini di Lux (questo è un parametro standard) quanto in termini di resa cromatica. Una macelleria necessita di una tonalità di colore diversa rispetto a chi vende cosmesi o abbigliamento, così come una cartoleria da chi vende materiale elettrico. La necessità di avere una buona resa cromatica è direttamente proporzionale alla vendita di articoli scelti in base al loro colore. Comunque, la scelta del corpo illuminante è comunque in relazione al suo consumo ed alla potenza in Lumen rispetto ai watt assorbiti. Per questo c’è da sapere che non tutti i fari da 30 W fanno la stessa luce. Il prezzo di acquisto è strettamente legato alla intensità della luce; quindi si deve fare molta attenzione a quando si sceglie il prodotto per illuminare il negozio, non basandosi solo ed esclusivamente sul prezzo.

COME ILLUMINARE LE VETRINE DI UN NEGOZIO?

Occorre innanzitutto distinguere le vetrine interne da quelle esterne che affacciano sulla strada. Le vetrine interne di un negozio, di solito, hanno un’illuminazione installata sempre in alto. Questo fa sì che i prodotti che stanno sopra siano ben illuminati, mentre quelli che stanno sotto siano bui; una possibile soluzione sarebbero le strisce a LED che sono flessibili e permettono un’illuminazione capillare data la loro “poliedricità’”. Difatti possono essere tagliate ogni 5 cm (più o meno) e sono adesive per cui possono essere installate davvero dappertutto. Per illuminare le vetrine esterne di un negozio, occorre sapere come si deve esporre la merce, o come si vuole creare un effetto più o meno teatrale; il rischio è quello di creare le cosiddette “zone d’ombra” proprio dove ci sono invece i prodotti esposti; in questo caso un consiglio potrebbe essere quello di mettere dei proiettori o corpi illuminanti orientabili, addirittura su un binario in modo da poter essere spostati a proprio piacimento in base alla composizione della vetrina stessa.

Considerazioni Finali

Tutto quello che attualmente il mercato propone al di fuori della tecnologia a LED ( ad esempio le lampade a scarica o quelle compatte), è obsoleto. Oggi il LED ha soppiantato tutti per il suo prezzo, che è calato di molto, ma soprattutto perché ti consente di illuminare un determinato spazio consumando 500 watt, quando lo stesso spazio si illuminava precedentemente consumando almeno il doppio. Se per l’illuminazione si dispone di un budget limitato, la tecnologia LED è l’ideale in quanto si può peccare nella estetica (del corpo illuminante) per scegliere un corpo funzionale; spesso invece, nelle precedenti tecnologie, le due cose non si potevano scindere. Quindi, a meno che non si parla di un negozio di gioielleria lussuosa, si può riflettere sul semplice fatto che un faretto bello non ti fa aumentare le vendite se poi si pecca sulla illuminazione.

Campane a LED

La serie Polaris.. Questa serie di campane industriali è particolarmente  adatta per gli utenti che non vogliono risparmiare senza abbandonare ...
Leggi Tutto

Faretti a LED

La serie Ares D.. Questa serie ha normalmente un'illuminazione professionale per il settore Retail, con messa in opera rapida, in ...
Leggi Tutto

Lampade Industriali a LED

La serie Corn H0.. Questa serie rappresenta uno dei migliori compromessi attualmente disponibili sul mercato per la sostituzione indolore delle lampade ...
Leggi Tutto

Pannelli a LED

La serie Electra.. Pannello LED ad alta efficienza, per montaggio in moduli 600 x 600 da incasso con struttura metallica ...
Leggi Tutto

Plafoniere a LED

La serie Emilia.. L’efficienza di un impianto varia nel tempo in relazione alla riduzione del flusso luminoso emesso dalle sorgenti, ...
Leggi Tutto

Proiettori a LED

La serie Matrix H0.. Gamma di proiettori da esterno (floodlight), grado di protezione IP65 e driver Esterno IP66 con Sorgente ...
Leggi Tutto

Riflettori da Incasso a LED

La serie Altair Top.. Questa serie vanta una illuminotecnica piacevole, che ne fa un autentico riferimento nel panorama degli apparecchi ...
Leggi Tutto

Tubi a LED

La serie Tabit.. La serie propone 4 categorie diverse di emissione ( ) in modo che sia più facile scegliere ...
Leggi Tutto

t.я.i. Consulenze Energetiche - Partita IVA 03670850548 - REA PG 305937